INNAPLES

“InNaples” Fashion Design – Beverage and Food – Energia, idee, talenti in movimento, evento realizzato e prodotto dall’Istituto Isabella d’Este Caracciolo, dirigente scolastico dott.ssa Giovanna Scala, in occasione della rassegna “Maggio Napoletano” inaugurato dall’Assessorato alla Qualità della Vita e alle Pari Opportunità con delega al Made in Naples, in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura, al Lavoro e alle Attività produttive.

L’Istituto “Isabella D’Este Caracciolo”, individuato quale eccellenza napoletana e riconosciuto dal Comune di Napoli come soggetto attivo e partecipe del tessuto socio-economico e culturale, ha presentato in un’articolata performance di moda il brand identitario “Made in Naples”, all’insegna della ricerca dell’essenza partenopea e dei tratti distintivi della tradizione.

Una sfilata in abiti d’epoca ha introdotto l’evento, narrando la storia di Napoli mediante diversi stili che si sono susseguiti dal XV al XIX e che simboleggiano la tensione creativa e l’innovazione tipica della nostra città.

Piazza Municipio e la Fontana del Nettuno si sono trasformati in un suggestivo palcoscenico all’aperto esaltandone l’atmosfera con abiti originali creati, disegnati e realizzati nei laboratori dell’Istituto del settore Moda in simbiosi con una degustazione di antiche ricette reinventate dal particolare gusto napoletano e realizzate nei laboratori del settore Enogastronomico.

Attraverso drappi, tessuti, linee e forme, la Piazza si è inondata di rosso, esibendo Napoli anche nella rappresentazione dell’ “eruzione vulcanica”, che diviene immagine della dirompente energia giovanile partenopea.
Si è interpretata, così, la capacità della Città di “rinascere dalle ceneri” sottolineando l’identità di un popolo forte e tenace dalla grande attitudine alla trasformazione e alla rinascita.
La Napoli che sprigiona energia vitale, ispirata dalle Arti, dalle tradizioni manifatturiere e ornamentali, dai riti religiosi ed esoterici, dalla prosperità e dalle contaminazioni dei processi storici, è stata raccontata, quindi, artisticamente attraverso il design e i modelli realizzati dall’Istituto “Isabella D’Este Caracciolo” e “assaporata” attraverso la degustazione dei piatti preparati dai laboratori enogastronomici.

I commenti sono chiusi